show sidebar & content

PADIGLIONE HYSPALIT A VENEZIA


La richiesta del bando di concorso è l’ideazione di un padiglione espositivo all’interno dei giardini della Biennale di Venezia, nei pressi dei padiglioni di Stirling, Aalto, Fehn e altri maestri. Il titolo”AROUND THE RUINS IN 2000” sintetizza il progetto. Venezia è forse una delle città più soggette al degrado a causa delle sue specificità (l’acqua, le condizioni geografiche, la presenza di molti monumenti). Il padiglione viene costruito attorno a dei muri in mattoni spessi 60 cm, che diventano le nuove rovine. Questi setti, usati come pareti espositive, sono piani verticali nello spazio in grado di individuare, all’occorrenza, distinte aree tematiche. Oppure diventano sedute esterne tra gli alberi. Su volumi trapezoidali vengono collocati i servizi e le aree commerciali. Questi elementi, come la copertura, tengono rispettosamente le distanze dalle rovine. Solo il vetro unisce le parti in un dialogo continuo tra leggero e pesante, tra interno ed esterno. 

Data: 2007

Luogo: Venezia

Ente banditore: Catedra Hyspalit

Architetto: Massimiliano Chinello