show sidebar & content

PIAZZA A SUELLO

A_RIFERIMENTO 1: L’ACQUA

È stato proposto un disegno a geometria concentrica che, a partire dal punto focale del sagrato della vecchia chiesa, si estende e riverbera su tutto l’asse urbano considerato. La figurazione proposta fa chiaro riferimento all’acqua, tema caro al territorio in oggetto. Se da un lato l’area è vicina ai laghi di Annone, Pusiano, e al più celebre tra tutti, quello di Como, dall’altra l’acqua rappresenta da sempre il simbolo della vita. I cerchi geometrici concentrici proposti raffigurano l’astratta trasposizione di un immagine: essi sono la propagazione nell’acqua delle onde che si creano qualora si faccia cadere un oggetto in un punto.

B_RIFERIMENTO 2: CHIESA SANTI BIAGIO QUIRICO E GIUDITTA

Una delle emergenze architettoniche presenti nell’area di concorso è la monumentale Chiesa dei Santi Biagio Quirico e Giuditta. Particolare enfasi all’edificio è conferita dalla scalinata prospicente. Il nuovo disegno mira a saldare questa emergenza architettonica con le immediate adiacenze riutilizzando ed enfatizzando gli elementi esistenti, ovvero le scalinate, i dislivelli, la pietra usata sia nel prospetto dell’edificio che nelle pavimentazioni

C_RIFERIMENTO 3: LA VECCHIA CHIESA PARROCCHIALE DI SUELLO

Altro elemento di interesse del centro di Suello è costituito dalla vecchia chiesa parrocchiale. Anche in questo caso il riferimento architettonico è stato assunto non soltanto per l’edificio ma come sistema fabbricato-sagrato antistante-pavimentazione esistente. L’origine  geometrica  del nuovo disegno urbano riprende il semicerchio della pavimentazione prospicente alla chiesa, spazio rialzato in porfido, “protetto” dalle due strade che ne definiscono i limiti. Il progetto vuole estendere quest’area, saldandola con quella della scalinata della chiesa più recente.

D_RIFERIMENTO4: LA PIETRA DI MOLTRASIO  

I materiali sono quelli esistenti: porfido, asfalto, calcestruzzo, erba e la pietra di Moltrasio. Questo materiale locale ha una sua pietra calcarea grigia-nerastra che può conferire effetti plastici e cromatici notevoli. Si prevede di usarlo negli elementi di arredo urbano, oltre che in alcune parti di pavimentazione. Le sedute avranno una finitura lucida, mentre nei totem i massi calcarei saranno appena sbozzati e costituiranno con i sottostanti muri in calcestruzzo armato degli elementi simbolici, delle rovine su cui si fonda il luogo. La pavimentazione in pietra di Moltrasio verrà bocciardata.

Data: 2021

Luogo: Suello (LC)

Ente banditore: Comune di Suello

Tipo di procedura: aperta

esito: 1° Classificato

Gruppo di progettazione: Arch. Massimiliano Chinello, Arch. Luigi Marcato, Arch. Matteo Milani